La prima ferrovia in Italia: da Portici a Napoli in nove minuti e mezzo

immagine di http://www.ilportaledelsud.org/ferrovia.htm

Era il 3 ottobre 1839 quando, alla presenza di Ferdinando II Re delle Due Sicilie, venne inaugurata la Napoli-Portici, prima linea ferroviaria italiana a doppio binario lunga 7,2 chilometri. Fu questo uno dei molti primati del Regno delle Due Sicilie, allora potenza leader a livello della tecnica, come dimostra il fatto che Napoli fu la terza capitale in Europa, dopo Londra e Parigi, ad avere le strade illuminate a gas e che la prima linea di telegrafo elettrico vide la luce nel 1851 e metteva in comunicazione Caserta con Capua.

La locomotiva chiamata Vesuvio

Il primo convoglio della linea Napoli-Portici era composto da otto vagoni trainati da una locomotiva a vapore, chiamata Vesuvio, fabbricata dalla ditta inglese Longridge. La mattina del 3 ottobre 1839, il Re si recò nella villa del Carrione al Granatello di Portici dove era stato allestito il padiglione reale, lì ricevette il costruttore e gestore Armando Giuseppe Bayard e la sua squadra di ingegneri al suo seguito e insieme presero posto sul convoglio inaugurale verso Napoli. Ferdinando II, tenne un discorso in francese con il quale auspicò di veder realizzata la ferrovia fino al mare Adriatico. A mezzogiorno in punto ordinò la partenza. Per coprire più di 7 km di lunghezza dell’itinerario ci vollero circa nove minuti e mezzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...